<< MOLLICA di Gretel!

Ho troppi Oggetti in casa. Che faccio?

BRAINSTORMING COLLETTIVO: “HO TROPPI OGGETTI IN CASA E NON VIVO PIU: CHE FARE?”

IL PROBLEMA

1 IL CONTESTO
1.1 COSA HO FATTO: Da circa 3 anni sono continuamente impegnato nella creazione di disegni, cd musicali, libri ed oggetti di ogni genere. Alcune volte recupero oggetti della mia infanzia, altre volte parto da oggetti reclutati nei cassonetti. Mi sono divertito tanto e ho imparato tante cose. Inoltre, grazie alla manipolazione degli oggetti, sono riuscito a rivedere il vissuto negativo di alcuni eventi del passato: mi sono studiato e conosciuto meglio partendo proprio dagli oggetti del passato.
La modalità con cui ho creato è sempre stata caotica, non attenta all’estetica. Le conseguenze sono una confusione di chi guarda le mie creazioni: “cosa significano? cosa vogliono dire?” e spesso questa domanda non riceve risposta.

1.2 LA CASA E LA MENTE INVASE: Gli oggetti creati in 3 anni, stanno attualmente saturando completamente la casa in cui abito, lasciandomi poco spazio per vivere in tranquillità. Ogni oggetto richiede mille operazioni per essere perfezionato, fotografato, archiviato online, spiegato con un testo ed un video, linkato e condiviso. Insomma.. un lavoraccio che ostacola la mia mente. E’ difficile pensare a progetti futuri se si pensa a perfezionare quelli passati.

1.3 PARZIALE ISOLAMENTO: In 3 anni di produzione, solo 6 persone hanno visto cio che ho fatto. Persino i parenti piu stretti sono infastiditi dagli oggetti e dal luogo in cui si trovano. Vedo inoltre in giro pittori, artisti e scrittori che nonostante tutto, non posso dire che sono troppo superiori a me. Questo mi fa sentire un coglione: perchè loro sono in giro, vendono, regalano, condividono ed io no?

2 IL PROBLEMA SPECIFICO
Avendo lo spazio in cui vivo resettato, pulito, vuoto, riuscirei a pensare meglio al mio futuro. Inoltre lo spazio non è solo mio e quest’operazione di svuotamento e reset sento quasi che è un’obbligo ormai. Voglio rendere agibile questo spazio ma non riesco a pensare in modo razionale e chiaro. La domanda è quindi: cosa fare di tutti questi oggetti? Come svuotare lo spazio?
Un’elenco delle possibili alternative e delle iniziative gia testate, puoi trovarlo qui sotto. Ti chiederò infine di darmi le tue idee: come risolveresti tu il problema?

LE ALTERNATIVE

  • Tenerli gli oggetti a vista. PRO: fatica zero, devo semplicemente lasciare tutto com’è. CONTRO: sono costretto a concentrarmi sempre su di loro, non riuscendo a fare altro. Lo spazio manca, il disordine aumenta e si vive in una spece difognatura piena di ambizioni che non si realizzeranno mai.
  • Inscatolarli. PRO: aiuterebbe a liberare spazio mentale. CONTRO: non risolverebbe comunque la questione spazio e gli oggetti sarebbero piu difficili da prendere singolarmente e da fotografare, si creerebbe un divario tra versione online e versione off line
  • Gettarli. PRO: si libera immediatamente tanto spazio. CONTRO: si perde un potenziale di condivisione, dono, soldi, scambio risorse, progetti, conoscenza, storia
  • Regalarli. PRO: possono interessare a qualcuno. CONTRO: la gente è restia anche ad accettare doni e almenoche non regalarli a chi non ha interesse per poi vederli buttati via, donarli equivale spesso a gettarli ma con in piu il fastidio di vedere gente sospettosa inspiegabilmente.
  • Esporli. PRO: verrebbero visti e si avrebbero tante nuove idee. CONTRO: non è possibile esporli qui a casa e non ho doti di pr. Esporli nei musei ha un costo ed io non ho denaro. Cercare gallerie gratuite è una faccenda da Pr ed io non riesco a farla.. spece per tutti gli oggetti insieme.
  • Venderli. PRO: si potrebbe fare soldi. CONTRO: andrebbero inventariati tutti, cercate delle scatole, create descrizioni e prezzi, spinti i prodotti online, trattare con lagente. Una fatica incredibile che non riesco a gestire comunque da solo.
  • Disperderli nella natura. PRO: è un atto di lasciar andare fortissimo. CONTRO: ci si libera di tanto potenziale e lo si butta via.
  • Fuoco. PRO: l’incendio brucerebbe tutto. Molto simile all’opzione “gettarli”. CONTRO: fumo, atto doloso, essere preso per maniaco, distruzzione di un potenziale, rischi di danneggiare la casa e subire le conseguenze di risarcire i danni.

COSA HO GIA PROVATO ED IDEATO:

  • Seminari: creare eventi di vario genere in cui spiego, parlo, condivido i problemi, porto l’attenzione sui vari oggetti. PRO: se arriva altra gente, possono arrivare altre idee e qualcuno sarà interessato ad aiutarmi o ad avere gli oggetti o a imparare qualcosa. CONTRO: essendo da solo non riesco a creare giusti volantini che descrivono le mie ambizioni, non ho un gruppo sociale al quale proporlo. Gli infiniti eventi creati e poi falliti mi hanno gettato nello sconforto e sfiducia. La gente non viene con continuità.
  • Filmati: creare filmati per i vari oggetti e condividere su facebook cercando interessati. Gli interessati possono aiutarmi o lavorare insieme a me. PRO: la gente aiuta. CONTRO: nessuno si interessa a queste cose, non ho capacità di PR per propormi con continuità. La gente mi stanca e sembrano essere pochissime le persone che almeno rivolgono lo sguardo
  • Linkaggio: mettere tutto online e linkare ognioggetto a risorse esterne e siti di altre persone come fossero oggetti pubblicitari. PRO: linkando a lavori esterni il progetto prende aria. I padroni dei siti esterni possono rimanere colpiti e felici ed interessars al progetto. CONTRO: il lavoro è pazzescamente faticoso perchè richiede foto dettagliate e ricerca di link per ogni oggetto oltre che spiegazioni approfondite.
  • Crowdfunding “Compra arte”. Puoi leggere il progetto in un altro post.

COME PUOI AIUTARMI?
In che modo agiresti tu? Hai idee creative che io non ho avuto? Le tue idee possono sbloccarmi qualche nuova possibilità. Grazie.

ATTENTION: If you BOUGHT THIS object, SAY HI!.
ATTENZIONE: Se HAI COMPRATO QUESTO oggetto, LASCIA UN SALUTO!.




1 Commento

  1. WunderKammer » Rivoluzione Abitativa A – Maxi Project - 17 September 2015
    44 Commenti RisCossi | BADGE - BADGE - BADGE

    […] Ho troppi Oggetti in casa […]

Commenti

Am Blim Blò?
Responsive Menu Clicked Image